parallax background

Enric Batlle, Joan Roig

Ex cinema teatro
1 giugno 2006
Il Progetto 29
1 settembre 2006
 

Restauro paesaggistico nel Parco Naturale del Garraf

Il progetto di restauro paesaggistico del Deposito Controllato della Vall d'En Joan si trova nel Parco Naturale del Garraf nel municipio di Begues e Gavà nel Baix Llobregat. Il deposito inizia ad essere utilizzato come discarica nell'anno 1974, e da allora vi convergono la maggior parte dei residui urbani di Barcellona e dei municipi dell'area metropolitana. Attualmente occupa un'estensione di 60 ettari dei quali 20 sono stati restaurati con il "Progetto Esecutivo di Chiusura e Restauro del Deposito Controllato della Vall d'En Joan nella zona 1-2 e gli accessi diretti a questo ambito". Il progetto di restauro si presenta come proposta globale d'intervento, definendo criteri topografici di configurazione di lotti e terrazzamenti, rete di drenaggio di raccolta delle acque interne, indipendenti da quelle esterne, rete di estrazione di biogas, percorsi e piantumazioni da realizzare per fasi successive. L'intero progetto di restauro si propone come obiettivo principale la reintegrazione del Deposito Controllato nell'ambito del Parco Naturale del Garraf, e viene portato a termine utilizzando le risorse dei vicini mosaici agroforestali e potenziando lo sviluppo degli ecosistemi primari, i quali, durante il tempo, si andranno evolvendo adattandosi al sistema ambientale. Il processo di piantumazione della vegetazione si realizza a partire da specie autoctone, resistenti, di poche necessità idriche e adatte all'ambiente. La piantumazione si compone di strutture vegetali tipo pruni o arbusti del mediterraneo, specie arboree e arbustive e coltivazioni a leguminose autoctone. Il restauro del Deposito si propone di potenziare il carattere di spazio libero e di parco metropolitano recuperando la vocazione propria di questa zona. Data la prossimità di diverse urbanizzazioni metropolitane, la facilità di accesso e la possibilità di parcheggio l'area si converte in un ingresso per il Parco Naturale del Garraf.

 
Eleonora Barone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *