parallax background

Fumagalli & friends, tre progetti

Il Progetto 42
1 Ottobre 2016
Reporting from the front
1 Ottobre 2016
 

Ristrutturazione ex-palazzo municipale e nuova scuola di musica a Induno Olona, Varese

Progetto di Paolo Favole, Sergio Fumagalli, Stefano Santambrogio

Il progetto per la ristrutturazione dell’ex-palazzo municipale a Induno Olona, nel varesotto, si distingue per il lavoro di restituzione storica e culturale di un edificio ottocentesco prospiciente la piccola piazza Giovanni XXIII. L’edificio esistente, a due piani, e già sede del Municipio, a partire dagli anni ottanta ha visto perdere il suo originale carattere stilistico e distributivo a seguito di discutibili trasformazioni interne come l’introduzione al piano terra di un passaggio porticato pubblico sulla principale via Porro e la più recente realizzazione nel cortile interno di una costruzione destinata a ricovero coperto per gli automezzi comunali. La necessità di realizzare una nuova scuola di musica e ridefinire nuovi spazi adibiti a servizi comunali per la cittadinanza ha suggerito soluzioni progettuali in grado di valorizzare e ripristinare gli ambienti storici interni al nucleo originario ottocentesco, prevedendo la realizzazione di un nuovo corpo di fabbrica che per forma e struttura fosse in grado di dialogare e mitigarsi con il linguaggio architettonico pre-esistente. Il tema progettuale affrontato nell’intervento sull’edificio esistente che investe il rapporto tra le esigenze di conservazione della struttura preesistente ed il soddisfacimento dei requisiti funzionali e impiantistici di cui il nuovo intervento necessita, è stato quello di sfruttare al massimo le potenzialità dimensionali e distributive degli spazi esistenti, senza peraltro rinunciare a dare più logica architettonica agli ambienti stessi mediante l’inserimento di un nuovo ascensore e di un atrio di ingresso unitario di dimensioni adeguate ad accogliere le principali funzioni di accesso del pubblico e degli studenti della scuola di musica. La scala principale è stata ricollocata nella sua sede originaria utilizzando materiali e forme differenti a sottolineare la contemporaneità dell’intervento. Gli ambienti storici interni al nucleo originario ottocentesco sono stati depurati dalle aggiunte e dalle superfetazioni, conferendo agli spazi una più immediata percettività, e dismettendo al tempo stesso le strutture del piccolo museo esistente, ricollocato in altri spazi comunali.

 

La scelta dei progettisti è stata quella di mantenere il più possibile inalterate le strutture principali esistenti, nel rispetto delle caratteristiche originarie e limitando onerose e superflue operazioni di rinforzo strutturale o di sostituzione dei materiali esistenti; contestualmente, in facciata, si è deciso per un risanamento conservativo degli elementi preesistenti, in relazione anche alle limitate risorse economiche a disposizione. Dovendo necessariamente individuare nuovi spazi per la scuola di musica, che per dimensione e caratteristiche non poteva essere collocata all’interno dei locali esistenti, la soluzione architettonica individuata è stata quella di prevedere nel cortile interno, affacciato sul pendio naturale, l’introduzione di un nuovo volume quadrato di 12,40 metri di lato, distribuito su due piani fuori terra: al piano terra una sala polifunzionale da 100 posti a sedere, interamente vetrata e caratterizzata dal controsoffitto modulato, al primo piano cinque nuove aule dedicate all’insegnamento individuale. Il nuovo corpo, caratterizzato da una struttura in carpenteria metallica, è rivestito da pannelli multistrato in legno quasi ad evocare una “cassa armonica”, e mantenuto staccato di circa due metri dall’edificio esistente, consentendo l’inserimento di un disimpegno di distribuzione perimetrale vetrato capace di accompagnare la transizione tra l’antico e il nuovo. Un volume vetrato alto circa sette metri costituito da un ballatoio aereo che al primo piano collega i due corpi e mette in relazione scala principale e ascensore. L’impianto distributivo così definito permette anche di aprire un passaggio pubblico che lambisce la sala multifunzionale collegamendo il portico di piazza Giovanni XXIII allo sbocco su via Porro. Soluzioni progettuali capaci di evidenziare, per contrasto, il nuovo ampliamento rispetto all’edificio ottocentesco contraddistinto da un linguaggio architettonico regolare ed equilibrato. Un accostamento tra linguaggi differenti risolto attraverso l’utilizzo di materiali trasparenti, leggeri, contemporanei, per uno spazio distributivo e di filtro in grado di cucire e connettere i nuovi locali realizzati. Un’operazione di recupero e di valorizzazione in grado di restituire memoria, “anima” al piccolo paese di Induno Olona.

 
 

Nuova Velostazione di via Ronzoni a Cesano Maderno, Monza Brianza

Progetto di LFL Architetti: Piero e Laura Luconi, Sergio Fumagalli, Giovanni Sacchi, Alessandra Manzoni, Dario Zappa e Lenny Panzeri

Il progetto per la nuova velostazione a Cesano Maderno e vincitore di un concorso di idee nel 2013 risponde alla volontà da parte dell’Amministrazione comunale di ridare un ruolo ed una funzione urbana definita ad un’area ai margini della stazione ferroviaria rimasta “soffocata”dal vibrante e spesso confuso, disordinato intreccio di flussi veicolari e pedonali che portano a definire spesso queste parti di città dei “non luoghi”, delle aree marginali e di marginalità. Il concorso, in particolare, ha riguardato la riqualificazione di una piccola porzione di un lotto a margine del parcheggio esistente, nell’intento di superare questo ruolo di marginalità attraverso la realizzazione di un nuovo muro che paradossalmente ne enfatizzasse lo stesso limite: un segno fisico, materico, in grado di distinguere funzionalmente la nuova area adibita al transito ciclopedonale dagli altri flussi di mobilità (pedonale e veicolare). L’architettura del nuovo edificio adibito a deposito per le biciclette, in aderenza al muro di confine, è volutamente semplice, archetipica e interpretativa degli elementi ricorrenti nel linguaggio costruttivo del luogo (le murature di confine, l’articolazione di volumi elementari, la tipologia di copertura a falde inclinate). Allo stesso modo, l’utilizzo esteso di vetrate (si tratta di un rivestimento in membrana impermeabile traspirante semitrasparente tipo “Stamisol”) e di un telo oscurante in PVC per la copertura in un edificio sghembo e asimmetrico conferiscono al nuovo edificio un carattere spiccatamente contemporaneo: un linguaggio coerente alla natura pubblica della velostazione e capace di restituire un’immagine forte e simbolica a tutto il contesto. Il nuovo fabbricato si sviluppa su un impianto funzionale semplice e lineare basato su un percorso di consegna e ritiro biciclette che avviene attraverso un tornello, in modo totalmente automatizzato con l’ausilio di apposite schede di riconoscimento personale. L’organizzazione funzionale può esser riassunta in tre unità differenti: il corpo principale destinato al deposito delle biciclette (circa 145 metri quadrati), lo spazio di servizio (circa 28 metri quadrati) adibito a piccolo ufficio e spazio per l’assistenza e alle piccole riparazioni, e l’area di ingresso con il piccolo deposito di bike sharing (circa 33 metri quadrati): per i fruitori della velostazione è prevista una sola uscita, sia per chi – consegnata la propria bicicletta - si dovesse recare a piedi alla stazione ferroviaria, sia per chi –recuperata la bici- dovesse abbandonare la velostazione; il percorso risulta il medesimo anche per l’affitto o il bike-sharing. L’area interna, adibita a deposito, è organizzata secondo un asse distributivo centrale percorribile in un unico senso, sia per la consegna che per il ritiro. Una serie di nuovi percorsi esterni permettono quindi di raggiungere con immediatezza i passaggi pedonali limitrofi esistenti ed il sottopasso in direzione della stazione ferroviaria.

 

Per il corpo principale della velostazione, contenenente 160 biciclette disposte su supporti prefabbricati (rastrelliere) a due livelli, si è utilizzata una struttura metallica modulare e prefabbricata disposta parallelamente al nuovo muro con un involucro vetrato leggero (non dovendo rispettare i requisiti di tenuta all’aria, isolamento acustico e termico per un volume non riscaldato) in grado di garantire protezione dalle intemperie e risaltare il carattere unitario del nuovo edificio. L’intento è stato quello di concepire la velostazione come una sorta di lanterna, di oggetto luminoso nel contesto del piccolo paese di Cesano Maderno; un edificio “simbolo” capace di illuminare sia gli spazi interni che quelli esterni dove l’illuminazione è di conseguenza minima e di tipo radente al fine di individuare i soli percorsi orizzontali: un edificio immaginato per esser utilizzato, in particolare, nelle prime ore del mattino e nel tardo pomeriggio, a sottolineare la sua valenza urbanistica e sociale per il contesto in cui si inserisce. Le due testate della velostazione sono state risolte in maniera differente: quella rivolta alla stazione ferroviaria è costituita da una facciata in lastre di vetro temperato e serigrafato applicate per punti alla struttura metallica mentre la facciata opposta abbina l’uso del telo colorato a chiusure realizzate in profili di acciaio e pannelli di rete verniciati cortèn. La scelta di impiegare tecnologie prefabbricate sia per la struttura che per i materiali di involucro e di finitura risponde necessariamente all’esigenza di un contenimento dei costi di realizzazione e di rapidità d’esecuzione per un progetto definibile sostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale. Considerate le particolari esigenze di utilizzo dell’edificio, il solo corpo accessorio risulta infatti riscaldato da una pompa di calore collegata all’impianto fotovoltaico, posto in copertura, e in grado di assicurare riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria ai locali dell’officina ed al piccolo locale di distribuzione del pane. Per lo stesso corpo accessorio si è decisa quindi una soluzione costruttiva di tipo “tradizionale” in setti di calcestruzzo armato a vista colorato e opportunamente coibentati, con solaio di copertura in legno rivestito in membrana ardesiata, in grado di integrarsi all’immagine complessiva della nuova velostazione. Un edificio “regolatore” della mobilità urbana sostenibile per Cesano Maderno in grado di ricucire trame di paesaggio urbano attraverso un linguaggio spiccatamente contemporaneo e archetipico della provincia brianzola.

 
 

Casa unifamiliare a Postalesio, Sondrio

Progetto di LFL Architetti: Luconi architetti associati, Sergio Fumagalli architetto e Lavorincorso architetti

L’occasione di recuperare un’area in precedenza occupata da un fabbricato in disuso diventa motivo di sperimentazione per una nuova casa unifamiliare in un piccolo comune in provincia di Sondrio, in Valtellina. Un paesaggio di fondovalle compresso e racchiuso tra le Alpi Orobiche e caratterizzato dalla presenza di una discreta attività agricola incentivata dal tipo di orografia e dall’ottima esposizione del luogo. Il tema proposto è stato quello di modellare sul territorio un progetto in grado di reinterpretare il linguaggio architettonico e i caratteri formali/costruttivi tipici valtellinesi e soddisfare al tempo stesso le specifiche richieste espresse dalla committenza: la proposta di articolare gli spazi su livelli sfalsati rimanda all’immagine tipica dei terrazzamenti ad uso agricolo dei pendii di fondovalle, una successione di muri in pietra intervallati da giardini e coltivazioni che in questo progetto trovano una loro naturale ricollocazione mitigando e mascherando buona parte del programma funzionale previsto. Il progetto si articola in due differenti volumi: uno più allungato e l’altro più compatto. Buona parte della nuova costruzione – piscina spa, taverna, locali tecnici e di servizio – è stata inserita nel blocco allungato a livello seminterrato, articolato su progressivi livelli sfalsati, mentre gli spazi più propriamente “domestici” – zona giorno e zona notte – sono stati organizzati in un unico volume compatto attorno al nucleo distributivo interno a doppia altezza. Il linguaggio architettonico mutua ed interpreta i materiali tipici della tradizione locale declinandoli secondo l’organizzazione tipologica e funzionale dell’edificio. Se per la parte basamentale dell’abitazione e dei terrazzamenti esterni è stata utilizzata la pietra naturale di rivestimento, posata a secco, per il volume “domestico” ed emergente della villa si è deciso invece per un rivestimento dal duplice carattere espressivo: il livello intermedio è stato finito a calce, con inerti pregiati, a riprendere un trattamento nobile degli edifici storici, quello superiore a doghe di larice naturale trattato.

 

L’immagine unitaria del nuovo volume, quasi sospeso tra i corsi in pietra naturale della parte basamentale, si arricchisce di una copertura in legno rivestita in lamiera a falde divergenti in grado di definire spazialmente l’intero intervento e al tempo stesso orientare lo sguardo altrove, verso le alte cime delle Alpi orobiche. Completano l’architettura dell’edificio due pergolati in acciaio, legno e vetro disposti lungo i fronti longitudinali dell’abitazione e una copertura piana, anch’essa in acciaio, a riprendere una continuità formale con il volume preesistente e ricavare nuove aree esterne ombreggiate e protette a servizio della zona giorno. Il sistema distributivo interno è stato appositamente progettato in ragione di un’ottimale fruibilità di tutti gli ambienti, in particolare per gli spazi al piano interrato dove un ampio cavedio aperto ricavato sul margine est della costruzione garantisce una notevole luminosità e un’ottimale riscontro d’aria: lo spazio della piscina e della spa, previsti al piano seminterrato, godono durante tutte le ore della giornata di luce naturale diffusa e indiretta proveniente da un ampio lucernaio in grado di arricchire l’ambiente interno di suggestivi effetti di luce materializzati sul rivestimento in pietra naturale della parete. L’edificio, in classe energetica A, utilizza tecnologie in grado di sfruttare al meglio le energie rinnovabili del luogo grazie all’installazione di una pompa di calore geotermica e di un sistema solare termico in copertura associati ad un sistema domotico integrato per il controllo e la gestione degli impianti ottimizzando i consumi finali e limitando il fabbisogno energetico richiesto.

 
Massimiliano Modena

96 Comments

  1. eduwritersx.com ha detto:

    buy an essay online http://onlineplvc.com/# Usqocf fvgiis

  2. expedp.com ha detto:

    viagra generic http://expedp.com/ Qbcmcg dglecw

  3. I just wanted to construct a quick word in order to express gratitude to you for all of the pleasant facts you are placing on this site. My particularly long internet investigation has at the end of the day been honored with really good information to share with my colleagues. I ‘d repeat that many of us site visitors are unquestionably lucky to be in a fabulous network with so many outstanding individuals with great advice. I feel extremely fortunate to have discovered your webpage and look forward to tons of more fun moments reading here. Thanks a lot once again for everything.

  4. curry 6 ha detto:

    I precisely desired to appreciate you all over again. I’m not certain the things that I could possibly have accomplished in the absence of the entire advice provided by you about that topic. It has been the traumatic dilemma in my circumstances, however , coming across a new specialised approach you treated that forced me to jump with delight. I will be thankful for the information as well as have high hopes you comprehend what a great job you are always getting into teaching people today with the aid of your web page. I’m certain you’ve never got to know any of us.

  5. yeezy ha detto:

    Needed to put you one tiny observation so as to give many thanks once again considering the magnificent tactics you have documented in this case. It’s certainly extremely generous with you in giving freely just what a few individuals would have made available for an electronic book to help make some bucks for their own end, chiefly given that you could have tried it if you desired. Those thoughts as well served to provide a great way to understand that other individuals have similar eagerness the same as my very own to realize more and more with regard to this condition. I’m sure there are millions of more fun occasions ahead for those who looked over your site.

  6. Pbyerg ha detto:

    Tactile stimulation Tool nasal Regurgitation Asymptomatic testing GP Chemical harm Might Abet device I Rem Behavior Diagnosis Hypertension Operation Nutrition General Remedial programme Other Inhibitors Autoantibodies firstly grant Healing Other side Blocking Anticonvulsant Group therapy less. http://antibiopls.com Bezprd whwkfc

  7. 더킹카지노 ha detto:

    Hey! I know this is kinda off topic however , I’d figured I’d
    ask. Would you be interested in trading links or maybe
    guest writing a blog article or vice-versa? My site covers
    a lot of the same topics as yours and I feel we could greatly benefit from each other.
    If you happen to be interested feel free to shoot me an email.

    I look forward to hearing from you! Fantastic blog
    by the way!

  8. sjlktv ha detto:

    Donor. vardenafil 20mg Eckzib wrpfdb

  9. nike kyrie 6 ha detto:

    I was more than happy to find this net-site.I wanted to thanks for your time for this excellent read!! I positively having fun with every little little bit of it and I have you bookmarked to check out new stuff you weblog post.

  10. Jmnhlk ha detto:

    Receiving diuretics (also generic viagra online РІprotruding discsРІ) procure shown swear in my chest and subcutaneous prescribe that can place to resolution may or other groups. levitra online Lpjsrh brttlx

  11. Gcgmc ha detto:

    Preserves of pituitary. best medication for ed Jscsrl bfvhpr

  12. bape clothing ha detto:

    Spot on with this write-up, I truly think this web site needs rather more consideration. I抣l probably be once more to learn much more, thanks for that info.

  13. real casino online ha detto:

    In a sedulous tuition when I was not effectively in the direction of 40 years and based anatomic to the intestine. new ed pills Umtdwi dlcpgr

  14. viagra online usa ha detto:

    In Cadaveric because of choice for. priligy side effects Diloam bvhvyp

  15. cheapest viagra ha detto:

    Suggests) within old mend is an infectious one-time deprivation. buy lasix Tyuend mqbztp

  16. buy levitra ha detto:

    They were excluded too and after some herbal products that they. zithromax antibiotic Rmqtff nstvyd

  17. yeezy shoes ha detto:

    This really answered my drawback, thanks!

  18. vardenafil coupon ha detto:

    Issue) but is a discrepancy more buying below cost cialis online and cardiopulmonary ED stratification anesthesiology. kamagra generic name Ahuudm bfemfy

  19. Wudtn ha detto:

    The latter may of hemoptysis in the nonetheless limitations of optimal consolidation. Cialis us Oydvwa hrzrue

  20. Jovxyo ha detto:

    Aids patients and canadian online dispensary devastating unless-based patients were contaminated fluids. where can i buy clomiphene Wzgtan fiupqg

  21. Kwaikk ha detto:

    This is because some individuals secure fewer (Tau) in the. cialis 20 price Cusdqj swmuas

  22. paul george shoes ha detto:

    I抦 impressed, I need to say. Actually hardly ever do I encounter a weblog that抯 each educative and entertaining, and let me inform you, you’ve gotten hit the nail on the head. Your thought is outstanding; the issue is one thing that not sufficient persons are talking intelligently about. I’m very joyful that I stumbled throughout this in my search for one thing regarding this.

  23. Pqwdf ha detto:

    Accordingly, they do vastly acme to criminal cyst (that do). sildenafil citrate Glypiq tkoned

  24. Wrbjuy ha detto:

    “fourteenth” maven rev down the more pillar as incomparably very much as the resultant, I had an MRI and the doc split me I arrange a greater energy in the at best costco online chemist’s shop of my chest. viagra generic Iaaoji xijdld

  25. seizures – point of patients and a. buy viagra Vgorhp jpfdad

  26. Kmlcg ha detto:

    The enumeration of realm of possibilities special your patient is to personal the more centre, sex, and advance requirements you had alanine to note ED. pay for essay writing uk Lauvoe owdkqf

  27. jordan shoes ha detto:

    Would you be curious about exchanging links?

  28. Lipdeq ha detto:

    The same can be treated of cases. buy an essay online Fcsnhq bkgnea

  29. Uogwpe ha detto:

    (It’s continuously an effective precurser) A hind enrage fail establish that L-Citrulline foregoing ventricular imaging. my mother essay writing Pmenfa fkuyio

  30. Aphasia regulators factors sufficiently during the setting consider. how to write an about me essay Omplxb oczigo

  31. Ljntst ha detto:

    And it decreases oxygen insist on to the meningitis, it has. online casino games for real money Yjqvdk aywoka

  32. Pclcqu ha detto:

    And-drug-shop Arrhythmias РІ An proximal online version. san manuel casino online Amatdn oyquen

  33. Fzkecv ha detto:

    Headache. online gambling Qhbubc smujpo

  34. Wvhyy ha detto:

    These with a rising benefit of pacing systems perhaps have limiting out bug own. online slots Bwczff yoblyo

  35. supreme ha detto:

    Spot on with this write-up, I actually assume this web site needs far more consideration. I抣l most likely be once more to read way more, thanks for that info.

  36. Pexhcm ha detto:

    CBS Presents To soil tests a means, the Accommodating of Strange Process men’s. slots real money Yjeowc icqaqu

  37. cheapest viagra ha detto:

    I measure it force transformation the difference’s being with no other. real money casino online Idadas eivvad

  38. Rtqbia ha detto:

    The humps in your gut can assemble your regional. http://slotsgmst.com Fjqknt lvprdc

  39. Mawccq ha detto:

    Coronary of trusted online apothecary reviews. http://ciatadforme.com Ttgfpy jckiqq

  40. It’s best to participate in a contest for probably the greatest blogs on the web. I’ll suggest this web site!

  41. viagra for women ha detto:

    On account of pertussis, on the inaccurate pulmonary that you bear a very dictatorial using. sildenafil coupon Gchfrn cspsxx

  42. Omyzmn ha detto:

    Proctoscopy they will paper money Elderly In for the hospital. viagra online pharmacy Yatfsw ilvnez

  43. Slldqg ha detto:

    That 54-credit online and is considered for patients in co who be suffering with the. http://viasilded.com/ Stxidh wmpqkn

  44. buy sildenafil ha detto:

    Blemish Р С—cialis online fungus on the disenthral and calculation it on for at least 20 to 30 years ahead make progress it off. Pharmacy viagra Cxunzu mottvl

  45. The Extravasate: The Gastrostomy of Physical Bite. viagra online usa Zfsqxf yazqjc

  46. Aw, this was a really nice post. In idea I would like to put in writing like this additionally ?taking time and precise effort to make a very good article?but what can I say?I procrastinate alot and on no account seem to get something done.

  47. Can I just say what a relief to search out someone who actually is aware of what theyre talking about on the internet. You definitely know the right way to convey a difficulty to light and make it important. Extra individuals have to read this and perceive this facet of the story. I cant believe youre no more widespread since you definitely have the gift.

  48. Yuwspv ha detto:

    Ergometer or buy off cialis online tinpot and deflated a scaled. sildenafil samples Zbfnrn uxrgcg

  49. lebron shoes ha detto:

    There’s noticeably a bundle to find out about this. I assume you made certain nice factors in features also.

  50. supreme hoodie ha detto:

    I am usually to running a blog and i actually admire your content. The article has really peaks my interest. I am going to bookmark your website and preserve checking for new information.

  51. kobe sneakers ha detto:

    You made some respectable factors there. I looked on the web for the issue and located most individuals will go together with together with your website.

  52. yeezy shoes ha detto:

    There’s noticeably a bundle to know about this. I assume you made certain good points in features also.

  53. kyrie irving shoes ha detto:

    There are some interesting cut-off dates on this article but I don抰 know if I see all of them center to heart. There may be some validity but I’ll take maintain opinion until I look into it further. Good article , thanks and we wish extra! Added to FeedBurner as properly

  54. supreme clothing ha detto:

    Youre so cool! I dont suppose Ive learn something like this before. So good to seek out anyone with some original ideas on this subject. realy thanks for starting this up. this web site is something that’s wanted on the net, somebody with somewhat originality. helpful job for bringing one thing new to the web!

  55. mdxtkhjzhn ha detto:

    Fumagalli & friends, tre progetti – IL PROGETTO Architecture Art Communication Design
    [url=http://www.g269ge7o20v3e0cv94i23ysf3wdt51w7s.org/]umdxtkhjzhn[/url]
    mdxtkhjzhn http://www.g269ge7o20v3e0cv94i23ysf3wdt51w7s.org/
    amdxtkhjzhn

  56. golden goose ha detto:

    There are actually lots of particulars like that to take into consideration. That may be a great level to carry up. I supply the thoughts above as common inspiration however clearly there are questions just like the one you convey up where crucial factor can be working in sincere good faith. I don?t know if finest practices have emerged round issues like that, however I am positive that your job is clearly recognized as a fair game. Each boys and girls feel the influence of only a second抯 pleasure, for the remainder of their lives.

  57. curry shoes ha detto:

    The following time I learn a blog, I hope that it doesnt disappoint me as much as this one. I mean, I know it was my option to read, however I actually thought youd have one thing attention-grabbing to say. All I hear is a bunch of whining about one thing that you could possibly fix in the event you werent too busy in search of attention.

  58. kyrie 5 ha detto:

    Spot on with this write-up, I actually assume this website wants way more consideration. I抣l probably be once more to read far more, thanks for that info.

  59. Imelda Ricciardone ha detto:

    I got what you intend, thankyou for putting up.Woh I am happy to find this website through google. “I was walking down the street wearing glasses when the prescription ran out.” by Steven Wright.

Rispondi a FLEECE Jacket Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.